+39 0721 777412 info@terracruda.it
0 Elementi

Oro e Argento a Lione per il Bianchello del Metauro Doc

Per la prima volta un concorso internazionale premia il Bianchello del Metauro Doc

Il Bianchello del Metauro Doc sbanca il concorso internazionale di Lione aggiundicandosi una medaglia d’oro e una medaglia d’argento. Grande successo in Francia per il “Campodarchi” Bianchello del Metauro Doc Superiore 2011 prodotto da Terracruda, azienda vitivinicola di Fratte Rosa, in provincia di Pesaro e Urbino. Un riconoscimento prestigioso per una delle Doc più vecchie della penisola, che quest’anno compie 45 anni, entrando di diritto tra i migliori vini al mondo. Il “Campodarchi”, prodotto da 100% uve Bianchello, sotto la guida dell’enologo Giancarlo Soverchia, si aggiudica, nella versione Argento la medaglia argento, mentre il “Campodarchi” Oro strappa addirittura una medaglia d’oro al prestigioso concorso internazionale, che si è svolto a Lione, capitale francese della gastronomia e del buon gusto, lo scorso 5 aprile.

“Terracruda ha sempre puntato sulla tipicità degli uvaggi autoctoni, tra cui il Bianchello – spiega il titolare Luca Avenanti (nella foto con il vino premiato, ph Wilson Santinelli) -, e ha cercato di esprimere al massimo le caratteristiche peculiari di quest’uva vinificandola in purezza. I risultati ci hanno dato ragione”

Il vigneto Campodarchi, che ha in media 45 anni, è il più antico dell’azienda ed è in grado di offrire il meglio della produzione di Bianchello. Questo vino è prodotto solo con le uve migliori che hanno raggiunto il giusto grado di maturazione, la vendemmia infatti è svolta tardivamente, nel mese di ottobre, quando le uve sono più mature. I grappoli sono attentamente selezionati e raccolti rigorosamente a mano, in piccole casse.

Nella versione Argento una piccola parte del prodotto è vinificata in barrique di rovere francese, di primo passaggio, sulle fecce fini (sur lies) per 12/18 mesi, mentre nella versione Oro il Campodarchi è totalmente vinificato in barrique. La permanenza sulle fecce fini è una tecnica utilizzata allo scopo di esprimere al meglio le caratteristiche positive dell’uva Bianchello del Metauro, così da conferire al vino grande complessità olfattiva e intensità al gusto.

Nel corso della competizione una qualificata giuria internazionale, composta da enologi, sommelier, ristoratori, produttori, proprietari di enoteche, ma anche consumatori consapevoli, ha assaggiato  3.685 campioni di vino provenienti da 22 Paesi, assegnando 1.175 medaglie in tutto il mondo, di cui 528 medaglie d’oro e 647 medaglie d’argento.

In Italia ad essere premiati con l’oro sono stati 11 vini, di 7 regioni: Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo, Puglia, Basilicata e appunto Marche. Le medaglie d’argento assegnate a vini di produzione italiana sono state 16, provenienti da 8 regioni: Valle d’Aosta, Veneto, Piemonte, Toscana, Abruzzo, Puglia, Sicilia, e Marche.

Pin It on Pinterest

Share This